HOME PAGE DIREZIONE AZIENDALE  COLLEGIO SINDACALE DIPARTIMENTI

UNITA' OPERATIVE

MAPPA OSPEDALE

Ti trovi in:  Unità operative amministrative e tecnico-logistiche >>  UOC S.O.V.R.U. >>  Formazione

UOC SVILUPPO ORGANIZZATIVO E VALORIZZAZIONE RISORSE UMANE

 

CREDITI ECM

 

Il D.L. 138/2011 ha confermato per tutti i professionisti sanitari dipendenti, convenzionati o liberi professionisti, l’obbligo di acquisizione dei crediti formativi ECM; l’art. 3 comma b) del citato decreto recita “La violazione dell’obbligo di formazione continua determina un illecito disciplinare e come tale è sanzionato sulla base di quanto stabilito dall’ordinamento professionale che dovrà integrare tale previsione.”


Per il triennio 2014-2016 la Commissione nazionale per la Formazione Continua ha determinato che il debito formativo per tutte le professioni soggette all’obbligo di acquisizione dei crediti formativi è di 150 crediti. Ogni operatore sanitario deve acquisire i 150 crediti formativi previsti secondo la seguente ripartizione: 50 crediti/anno (minimo 25 e massimo 75 per ogni anno) per un totale di 150 nel triennio. Sono estesi anche al triennio 2014 – 2016 i provvedimenti della Determina della CNFC del 17 Luglio 2013 per il triennio 2011 – 2013 che prevedeva:
 

Crediti acquisiti nel triennio 2008 - 2010

Riduzione ammessa

Obbligo individuale 2011-2013

Obbligo individuale annuale 2011-2013

Da 101 a 150

45

105

Da 17,5 a 52,5

Da 51 a 100

30

120

Da 20 a 60

Da 30 a 50

15

135

Da 22,5 a 67,5


vi è , pertanto, la possibilità, anche per questo triennio, di ridurre, fino a un massimo di 45 crediti, il debito formativo.

Tutti i crediti formativi possono essere ottenuti mediante la partecipazione a corsi FAD senza più alcuna limitazione. La Commissione nazionale ECM nella seduta del 7 febbraio 2013, infatti, ha adottato la seguente determina: “Gli infermieri professionali, per il triennio in corso (2011/2013), possono acquisire il 100% dei crediti formativi per la tipologia formazione a distanza con o senza tutoraggio."

Il docente può acquisire crediti formativi in proporzione al tempo dedicato alla lezione/relazione tenuta in eventi accreditati. Per ogni mezz’ora di lezione si ha diritto ad un credito formativo; 2 crediti formativi per ogni ora effettiva di docenza in ECM.


I docenti/relatori non possono conseguire i crediti formativi in qualità di partecipanti ad eventi nei quali effettuano attività di docenza. 


Per le tipologie docenze e tutor, attività di ricerca, convegni e congressi, gruppi di miglioramento o di studio, comitati il numero massimo di crediti acquisibili non può eccedere complessivamente il 60 %  del monte crediti triennale ottenibile da un singolo operatore sanitario (90 crediti su 150).


Nell’ambito delle professioni sanitarie mediche, al fine di ottenere i crediti formativi ECM, occorre scegliere le attività formative alle quali iscriversi in base alla specializzazione posseduta e all’attività esercitata e segnalarla correttamente, laddove richiesto. Per eventuali equipollenze ed affinità alla disciplina medica oggetto dell’attività formativa di specifico interesse si rimanda rispettivamente al D.M. 30.01.1998 e al D.M. 31.01.1998.
 

La Commissione Nazionale per la Formazione Continua ha determinato il numero dei crediti che ciascun operatore deve conseguire nel periodo 2002-2007:


2002: crediti 10  (1/2 giorni di E.C.M.)
2003: crediti 20  (2/3 giorni di E.C.M.)
2004: crediti 30  (3/4 giorni di E.C.M.)
2005: crediti 30  (4/6 giorni di E.C.M.)
2006: crediti 30  (4/6 giorni di E.C.M.)
2007: crediti 30  (4/6 giorni di E.C.M.) 


Il numero dei crediti, che ciascuna categoria deve conseguire nel periodo 2002-2007, è uguale per tutte le categorie ed è pari a 150 crediti formativi.

Successivamente al periodo della sperimentazione, anni 2002-2007, nell’'Accordo Stato-Regioni del 1 agosto 2007 concernente il "Riordino del sistema di Formazione Continua in Medicina", è previsto, tra l'altro, che ogni operatore sanitario deve acquisire 150 crediti formativi nel triennio 2008-2010 secondo la seguente ripartizione:

50 crediti/anno per un totale di 150 crediti nel triennio 2008-2010.


In particolare dei 150 crediti formativi da conseguire nel triennio 2008-2010, almeno 90 devono essere "nuovi" crediti, mentre fino a 60 crediti possono derivare dal riconoscimento di crediti formativi acquisiti negli anni della sperimentazione a partire dall'anno 2004 fino all'anno 2007.


I crediti formativi da acquisire nel triennio 2011 – 2013 sono 150, ripartiti in 50 crediti/anno (minimo 25 e massimo 75 per anno).


La Commissione Nazionale ha previsto, come innanzi descritto, la possibilità di riportare fino ad un massimo di 45 crediti dal triennio precedente, anni 2008-2010.


Gli operatori sanitari possono conseguire al massimo 1/3 dell’intero ammontare di crediti di ciascun triennio attraverso la partecipazione ad eventi formativi su invito diretto di Sponsor (qualsiasi soggetto privato che fornisce finanziamenti, risorse o servizi a un Provider ECM mediante un contratto a titolo oneroso in cambio di spazi di pubblicità o di attività promozionali per il nome e/o i prodotti del soggetto sponsorizzante); ogni operatore sponsorizzato deve trasmettere, al Provider che gestisce il corso, una copia dell’invito o una dichiarazione sottoscritta attestante l’invito o l’autorizzazione della propria Amministrazione a partecipare al corso medesimo in virtù dell’invito da parte dello Sponsor. Agli operatori che conseguono, in seguito alla partecipazione ad eventi formativi su invito diretto da parte di Sponsor, un numero di crediti superiore a 1/3 dell’intero ammontare di crediti di ciascun triennio, l’eccedenza non verrà considerata al fine del computo totale dei crediti necessari per il triennio.


Ai fini dell’acquisizione dei crediti formativi ECM, gli operatori sanitari devono essere effettivamente presenti per tutta la durata degli eventi/progetti formativi accreditati (100% delle presenze), anche brevissime assenze determinano l’impossibilità di acquisire i crediti previsti.


Esoneri
E’ esonerato in toto dall'obbligo dell'acquisizione dei crediti formativi - per tutto il periodo di formazione - il personale sanitario che frequenta i corsi di formazione di seguito citati: 


-corso di specializzazione, dottorato di ricerca, master, corso di perfezionamento scientifico e laurea specialistica;

-corso di formazione specifica in medicina generale;


-corsi di formazione e di aggiornamento professionale svolti ai sensi dell’art. 1, comma 1, lettera d) “Piano di interventi contro l’Aids” di cui alla Legge 5 giugno 1990, n. 135, pubblicata nella G.U. n. 132 dell’8 giugno 1990.


La frequenza di corsi universitari diversi da quelli sopraelencati, dà diritto all’esonero di 4 crediti per mese, a condizione che essi abbiano una durata superiore a 15 giorni per ciascun mese.


Esenzioni
Sono esentati dall’obbligo formativo ECM, nella misura di 4 crediti per ogni mese nel quale il periodo di sospensione dell’attività professionale sia superiore a 15 giorni, gli operatori sanitari che sospendono l’esercizio della propria attività a seguito di:


-congedo maternità obbligatoria
-congedo parentale e malattia figlio
-adozione e affidamento preadottivo
-adozione internazionale e aspettativa non retribuita durata espletamento pratiche
-congedo retribuito per assistenza ai figli portatori di handicap
-aspettativa senza assegni per gravi motivi familiari così come disciplinato dai CCNL delle categorie di appartenenza
-permesso retribuito per gli operatori affetti da gravi patologie così come disciplinato dai CCNL delle categorie di appartenenza
-assenza per malattia così come disciplinato dai CCNL delle categorie di appartenenza
-richiamo alle armi o servizio volontariato alla C.R.I.
-aspettativa per incarichi di alta amministrazione di natura gestionale
-aspettativa per cariche pubbliche elettive
-aspettativa per la cooperazione internazionale
-distacchi sindacali
 

I periodi di esonero e di esenzione sono cumulabili ma non sovrapponibili, è cura dell’operatore sanitario che ha fruito dei citati esoneri o esenzioni presentare la relativa documentazione agli Ordini, Collegi o Associazioni professionali


Occorre specificare che nel caso in cui il periodo di assenza dal lavoro ricadesse a cavallo di due anni, l'anno di validità per l'esenzione dai crediti sarà quello in cui il periodo di assenza risulta maggiore. Ad esempio: se l'astensione cade nel periodo da settembre 2013 a gennaio 2014, l'esenzione dall'obbligo di acquisire i crediti sarà valida esclusivamente per l'anno 2013. Eventuali crediti acquisiti nel periodo di esenzione/esonero non sono considerati ai fini del soddisfacimento dell’obbligo formativo triennale e non possono essere portati in detrazione.


Dal 2 dicembre 2013
gli operatori sanitari possono consultare, sul portale del CO.Ge.A.P.S (Consorzio Gestione Anagrafe Professioni Sanitarie), previa registrazione, i crediti ECM acquisiti e pianificare il proprio percorso di formazione. E’ partita, infatti, la sperimentazione nazionale del 'dossier formativo'. Scopo del progetto è quello di valorizzare al meglio, dopo una fase sperimentale di assestamento, il percorso del professionista nel conseguimento del suo fabbisogno formativo. Il dossier sarà composto dinamicamente, in autonomia, da ciascun professionista a partire dall'individuazione degli obiettivi formativi nazionali.  


Sono 29 le aree in cui si articolano gli obiettivi formativi che vanno a comporre il “dossier formativo individuale” di ciascun operatore sanitario, che dovrà integrare obiettivi formativi di sistema (con tematiche di valore strategico aziendale), obiettivi formativi di processo (con tematiche legate al miglioramento della qualità dei processi nella specifica area sanitaria in cui opera) e obiettivi formativi tecnico-professionali (rivolti all’acquisizione di conoscenze e competenze nel settore di attività).


Indicati come di particolare rilievo per il SSN e i SSR le tematiche legate all’umanizzazione delle cure e terapia del dolore e alla qualità dei sistemi e dei processi clinico - assistenziali.


Non potranno rientrare nel sistema ECM i corsi di formazione sulle medicine non convenzionali, che potranno essere oggetto di corsi soltanto se il programma prevede prove di efficacia e un confronto con la medicina tradizionale.


Gli Ordini, i Collegi, le Associazioni professionali e le relative Federazioni rivestono un ruolo centrale nella certificazione/attestazione della formazione svolta.


Il CO.GE.A.P.S. , infatti, riceve le informazioni relative al conseguimento dei crediti ECM degli operatori sanitari, dai Provider nazionali e regionali e le rende disponibili a Ordini, Collegi e Associazioni affinché gli stessi possano certificare/attestare i crediti acquisiti da ciascuno degli aventi obbligo.

Il computo dei crediti rimane un onere dei singoli operatori sanitari, mentre la verifica degli stessi, per il rilascio della certificazione/attestazione dei crediti formativi acquisiti, è compito degli Ordini, dei Collegi, delle Associazioni professionali.
 

^^ TOP ^^

Aggiornamento novembre 2014