HOME PAGE DIREZIONE AZIENDALE  COLLEGIO SINDACALE DIPARTIMENTI

UNITA' OPERATIVE

MAPPA OSPEDALE

Ti trovi in: Unità Operative >> Unità operative sanitarieA

REGIONE CAMPANIA
ASSESSORATO ALLA SANITA’ 
SERVIZIO EMERGENZA SANITARIA 
CENTRALE OPERATIVA CASERTA SOCCORSO 118 
AZIENDA OSPEDALIERA DI CASERTA 
U.O.C.C.O.
118 Caserta
Direttore: Dott. Roberto 
Mannella

Presentazione
Sede: Centrale Operativa – Azienda Ospedaliera S’Anna e San Sebastiano di Caserta via Tescione nr 2 
Edificio F piano 0 (adiacente Cappella dell’ospedale) 
Direttore: Dott. Roberto Mannella tel.0823.232215 e-mail 118caserta@virgilio.it  PEC 118caserta@ospedalecasertapec.it
Equipe Medica :Dott. Iaderosa M. Luigia; Dott. Gerner Ursula
Tecnico informatico: Dr. Rossi Antonietta
Coordinatore Infermieristico: I.P. Mataluna Angelo tel. 0823 232166 e-mail 118caserta@virgilio.it
Linea telefonica emergenza sanitaria: 118 (Numero Verde 800762288 per le zone diverse dalla provincia di Caserta) (orario:dalle 00.00 alle 24.00)
Linea telefonica comunicazioni non urgenti: tel. 0823 232517 - 2361715
Linea telefonica Segreteria: tel. 0823 232217 Fax: 0823 232273 / e-mail CO118CASERTA@libero.it
Centrale operativa 118 fax 0823 232518

Informazioni Generali
Il numero unico di emergenza-urgenza "118 " offre la possibilità di venire a contatto con la Centrale Operativa provinciale di emergenza sanitaria dove personale qualificato, acquisita la domanda di soccorso, attiva una risposta flessibile ed adeguata in quanto la struttura è a conoscenza di tutte le risorse e dei mezzi disponibili sul territorio. Da questo consegue la possibilità di inviare un soccorso idoneo, se necessario, con mezzi attrezzati nei quali sono impiegati infermieri professionali e medici esperti nell'emergenza. 

Cosa è:
Il 118 è un Servizio pubblico e gratuito di Pronto intervento sanitario; ha l’obiettivo di garantire tutto l’anno, 24 ore su 24, una risposta adeguata alle situazioni di urgenza od emergenza sanitaria mediante l’invio di mezzi di soccorso o di altre risorse sanitarie adeguati al bisogno presentato dal Cittadino-Utente

Cosa fa:
-Assicura la ricezione di tutte le chiamate di allarme sanitario provenienti da tutto il Territorio provinciale attraverso il numero unico 118;
-attiva il mezzo di soccorso più idoneo sulla base delle informazioni raccolte ed in conformità ai Protocolli e procedure operative standardizzate;
-indirizza il mezzo di soccorso verso la Struttura ospedaliera più idonea;
-archivia i dati;
-garantisce la comunicazione tra Centrale Operativa e mezzi di soccorso.
La Centrale Operativa del 118 interagisce operativamente e collabora attraverso specifiche procedure operative con Enti ed Istituzioni non sanitarie dedicate al soccorso tecnico quali Prefettura, Questura, Carabinieri, Polizia Stradale, Provinciale e Municipale, Vigili del Fuoco, Protezione Civile.

Missione (compiti ed obiettivi del 118 Caserta)
La Mission della C.O.118 si identifica nel fornire risposte adeguate alle richieste di urgenza-emergenza sanitarie provenienti dal territorio e coordinare il trasporto assistito del cittadino ai presidi ospedalieri più idonei e più vicini, per la patologia riscontrata e/o alle strutture sanitarie pertinenti ubicate sul territorio dell’ASL o alle medesime strutture regionali. Per questo motivo l’ assistenza in urgenza-emergenza ha, come suo obiettivo principale, non solo la sopravvivenza del cittadino, ma una sopravvivenza finalizzata al successivo trasferimento presso la più idonea struttura sanitaria di diagnosi e cura per il prosieguo del trattamento. 

Quando chiamare il numero 118
Chiama il 118 subito in caso di:
-infortuni e malattie gravi;
-perdita e alterazioni di coscienza; 
-difficoltà della parola, perdita della forza di un arto;
-difficoltà respiratoria;
-pallore e sudorazione fredda di lunga durata;
-dolore toracico e addominale;
-sospetto trauma della colonna vertebrale;
-sospette fratture degli arti inferiori e del bacino;
-ampie ferite, schiacciamenti;
-vomito con alterazione della coscienza;
-incidente stradale con feriti.

e comunque se l’infortunato presenta:
-Circolazione alterata: Cute pallida, sudata, fredda; polso debole e frequente
-Respirazione alterata: Evidente difficoltà respiratoria; rumori respiratori
-Coscienza alterata: Assopito; confuso; molto agitato

Chiama prima il medico di famiglia in caso di:
-febbre;
-vomito e nausea ad insorgenza graduale senza altri sintomi;
-dolore addominale senza altri sintomi.

CHIAMANDO LA CENTRALE OPERATIVA 118 A QUALUNQUE ORA DEL GIORNO E DELLA NOTTE RISPONDERÀ UN INFERMIERE PROFESSIONALE CHE FARÀ ALCUNE DOMANDE , INFATTI, PER RIUSCIRE AD OPERARE CORRETTAMENTE L’OPERATORE DELLA CENTRALE 118 HA LA NECESSITA’ DI CAPIRE DOVE E COSA. 

Chi sei?
Da dove chiami?
Cosa è successo?
Dove è successo?
Quante sono le persone coinvolte?
In quali condizioni è il paziente?

È per questo motivo che all'Utente che contatta la Centrale vengono poste alcune semplici domande. Identificare la gravità dell’evento permette infatti di inviare il mezzo di soccorso con le capacità e le risorse adeguate a quell’intervento. Solo attraverso informazioni precise fornite da chi contatta la Centrale, questa può essere veramente efficace ed efficiente nel fornire la risposta sanitaria
Fornire dati completi ed esaurienti non significa perdere tempo prezioso, ma significa guadagnarlo. A volte vuol dire salvare una vita.
E’ IMPORTANTE COLLABORARE E RISPONDERE CON CHIAREZZA IMMEDIATAMENTE DOPO PARTIRANNO I SOCCORSI

In quanto tempo arriva l’ambulanza
Il tempo che l’ambulanza impiega per raggiungere il luogo dell’evento dipende:
-dall’uso di sistemi di segnalazione (sirena e lampeggianti), quindi dal codice di gravità assegnato dalla Centrale Operativa;
-dalla distanza della sede dell’ambulanza al luogo dell’evento;
-dal traffico;
-dalla difficoltà al raggiungimento da parte dell’ambulanza del luogo dell’evento (zone montane e impervie, frazioni montane con scarsa segnalazione stradale, indicazioni al raggiungimento non precise): 
-nei casi gravi si tende a non superare gli 8-10 minuti in area urbana ed i 20 minuti in area extraurbana.

Rifiutarsi di rispondere alle domande non serve ad accelerare il soccorso, ma può impedire che le risorse inviate siano adeguate alle condizioni degli infortunati: è meglio qualche secondo in più al telefono che rischiare l'invio di soccorsi inadeguati alle esigenze !

Prima di comporre il numero 118 (uno uno otto), accertarsi di essere in possesso delle informazioni relative al Comune, alla via con numero civico, al numero di telefono da dove si sta chiamando e ad un eventuale altro punto di riferimento;
Comporre il numero 118 da qualsiasi telefono fisso (privato, pubblico) o cellulare;
La chiamata è sempre gratuita. Non sono necessari né gettone né scheda telefonica;
La telefonata è sempre registrata. Il numero del Chiamante viene automaticamente identificato;
per quanto possibile mantenere la calma e rispondere con precisione alle domande dell'operatore della Centrale Operativa. Rispondere non è perdita di tempo perché in caso di emergenza, l'ambulanza già parte durante l'intervista telefonica;
118 : istruzioni pre-arrivo
L’Operatore di Centrale, se necessario, fornirà semplici istruzioni per effettuare le prime manovre salvavita in attesa dell’arrivo dell’equipaggio sanitario. Collabora ed esegui le istruzioni che ti vengono fornite, 
NON RIAGGANCIARE IL TELEFONO SE NON VIENE DETTO DALL’OPERATORE DI CENTRALE.
Queste manovre possono salvare una vita.

In attesa dell'ambulanza...

Ricorda le cose da fare e quelle da evitare

Cose da fare 
-controllare la scena prima di intervenire;
-evitare pericoli per il soccorritore;
-evitare ulteriori pericoli per l'infortunato;
-evitare la ressa attorno all'infortunato;
-controllare le condizioni dell'infortunato;
-chiamare l'118

Cose da NON fare
-agire senza precauzioni personali;
-agire d'impulso;
-muovere o sollevare subito l'infortunato;
-somministrare bevande, soprattutto alcoliche; 

Prima di tutto 
in caso di incidente stradale: 
-parcheggiare la propria auto in modo da non creare intralcio;

-segnalare l'incidente (triangolo ben posizionato, torce elettriche); 
-non avvicinarsi con sigarette accese; 
-spegnere i motori e staccare le chiavi dal cruscotto; 
-tenere lontani i curiosi;

Svolgimento delle attività
La Centrale Operativa è il punto di riferimento di tutta l'Organizzazione dei soccorsi.
Le telefonate che arrivano alla Centrale vengono analizzate secondo specifici protocolli appositamente predisposti (ad esempio: Medical Dispath Priority) ed in base alla valutazione effettuata viene data la risposta più idonea a risolvere il problema sanitario presentato.

La risposta sanitaria si avvale di 4 livelli di codifica in base alla gravità del caso.

1.-B BIANCO non critico
Un servizio che con ragionevole certezza non ha necessità d essere espletato in tempi brevi;
2.-V VERDE poco critico
Un intervento differibile nel breve periodo per cui è auspicabile che l’operatore concordi con il chiamante il tempo di attesa; nel caso vi siano variazioni su quanto concordato è opportuno avvertire l’utente segnalando nella nota della scheda di CO i termini di attesa concordati;
3.- G GIALLO mediamente critico
Un intervento indifferibile legato a tutte quelle situazioni in cui sono presenti alterazioni dello stato di coscienza, della attività respiratoria, cardiaca o patologie traumatiche a causa di incidenti;
4.-R ROSSO molto critico
Un intervento in emergenza con tempi di intervento di norma non superiori a 8-10 minuti in ambito urbano e 20 in area extraurbana, salvo condizioni del territorio, orografia, traffico, condizioni meteo o di tempo avverse (nebbia, neve..);

L’obiettivo generale della C.O. 118 fa riferimento alla migliore assistenza al paziente critico (triage, istruzioni salvavita, invio mezzo di soccorso nel più breve tempo possibile, coordinamento con gli altri Enti Istituzionali, se necessario, e con le strutture sanitarie per individuazione dell’ospedale più idoneo e più vicino per la patologia in questione.

I Processi Principali sono organizzati a cascata in base alle fasi di:
-triage telefonico - accoglienza;
-gestione urgenza-emergenza: raccolta dati, istruzioni pre-arrivo ambulanza ed istruzioni salvavita al parente o cittadino presente, invio di Enti Istituzionali all’occorrenza;
-gestione ambulanza: allerta ed invio del mezzo di soccorso, informazioni all’equipaggio sul luogo evento e sul tipo di patologia;
-coordinamento struttura ricovero: individuazione della patologia prevalente da parte del medico dell’ambulanza, individuazione dell’ospedale più vicino e più idoneo per trattare tale patologia, comunicazione della struttura all’equipaggio, allerta del pronto soccorso dell’ospedale individuato.

Assistenza particolare è data all’utente:
Anziano: Nell’anziano la percezione delle informazioni viaggia a velocità ridotta per cui, più che alzare il tono di voce, l’operatore di centrale cerca di:
-parlare lentamente ricordando che l’anziano sotto stress può avere buchi di memoria, essere sordo; 
-essere paziente e non incalzare con domande a raffica e frettolose, ma rassicurare;

Bambini: Per la Centrale Operativa chiedere il numero di telefono o farlo leggere significa assicurarsi che il bambino non legga i numeri della tastiera; se non conosce l’indirizzo di casa bisogna chiedere dei riferimenti esterni, consci che i bambini di solito sono apparentemente tranquilli in una emergenza, non cogliendo talvolta la gravità dei fatti chiamandolo per nome (farselo dare sin dall’inizio!!!) e ripetendolo in quanto spesso sentire il proprio nome da un senso di protezione con domande del tipo: dove è la mamma, chi c’è in casa con te, ecc…

Stranieri: In una società multietnica sono sempre più frequenti gli interlocutori che non parlano l’italiano o lo parlano male, per cui la prima cosa che l’Operatore di Centrale fa e’ informarsi se vi è una persona in grado di parlare in modo più chiaro; in secondo luogo riformulare la propria domanda in modo più semplice, lentamente, scandendo le parole. Da tempo è stato attivato dal Ministero un servizio attivo 08-20 tutti i giorni di traduzione simultanea in sette lingue per cui l’operatore componendo il numero 039039039 e mettendo in conferenza può carpire tutte le informazioni cliniche e logistiche necessarie alla gestione dell’ emergenza

Un servizio di qualità

Il 118 di Caserta si impegna:

-a progettare e a realizzare periodiche rilevazioni della qualità del servizio;
-a diffondere i risultati delle rilevazioni ed a predisporre interventi di miglioramento dei servizi in relazione ai bisogni ed alle valutazioni effettuate; 
- a promuovere la cultura della misurazione e del miglioramento continuo della qualità, coinvolgendo tutti gli Operatori;
- ad essere conforme agli standard di qualità previsti dalla Società Scientifica S.I.S. 118.

-A tal fine sono stati identificati e vengono monitorati periodicamente gli standard relativi a:
-risposta telefonica e codifica d’intervento;
-tipologia di invio mezzi;
-tempi di raggiungimento target;

Al fine di apportare correttivi al sistema per il miglioramento continuo della qualita’ dell’ assistenza al cittadino-utente.

Personale della centrale operativa 118
1  direttore
2  dirigenti medici
1  coordinatore infermieristico 
16 infermieri 
1  addetto alla conduzione (tecnico informatico)
1  amministrativo

La struttura, posta su un unico livello, è suddivisa in:
-sala operativa 
-una sala tecnica e gestioni apparati
-un locale magazzino 
-uno studio medici 
-locali servizi igienici 

All’interno è collocata anche la Direzione e la Segreteria della U.O.C. .C.O.118 

L' accesso alla C.O. è consentito solo per motivi strettamente di servizio o previa autorizzazione del personale responsabile mentre l’ accesso alla sala operativa è esclusivamente concesso al personale in turno, ai tecnici di servizio e a quanti autorizzati.

Il Direttore Responsabile di CO rappresenta l’interfaccia tra la struttura e la Direzione Generale, la Direzione Sanitaria, la Direzione Amministrativa della Azienda Ospedaliera e della ASL e di tutti gli Enti ed Istituzioni che in ambito del territorio di competenza collaborano con il sistema.

L’ attività di soccorso viene supportata con ambulanze posizionate per sede e per area di competenza predefinite nella cartografia e denominate rispettivamente:

Caserta 07 – 010 medicalizzata
Maddaloni 835 medicalizzata
San Felice a Cancello 836 medicalizzata
Gricignano 838 medicalizzata
Trentola-Ducenta 02 medicalizzata
Aversa 03 medicalizzata
Casal di Principe 04 medicalizzata
Castel Volturno 834 medicalizzata
Capua 999 medicalizzata
Teano 831 medicalizzata
Marcianise 832 medicalizzata
Sessa Aurunca 998 medicalizzata
Piedimonte Matese 833 medicalizzata
Roccamonfina 852 con infermiere e autista- soccorritore
Curti 843 medicalizzata
Caiazzo 025 medicalizzata
Caianello 852 medicalizzata
Mondragone 842 medicalizzata 
Calvi e Risorta 837 medicalizzata
Roccaromana 08 con infermiere e autista- soccorritore

Elisoccorso Regionale
Quando il Paziente è in immediato pericolo di vita od in luogo non raggiungibile con mezzi di terra il Medico (rianimatore) può giungere sul posto anche con l'elicottero, che consente di raggiungere in tempi brevi anche località lontane dagli Ospedali. L'elicottero può trasportare il Paziente direttamente all'Ospedale che dispone delle attrezzature adatte al tipo di patologia. La C.O. Regionale di Napoli gestisce l’elisoccorso.
Gli elicotteri del 118 Campania sono allocati presso l’ospedale Cardarelli di Napoli e presso l’ ospedale San Leonardo di Salerno. L’ elisoccorso effettua anche trasporti secondari cioe’ da un ospedale ad un altro previa autorizzazione della centrale operativa regionale.

POLITICA della STRUTTURA

La Direzione dell’unita’ operativa complessa Centrale Operativa 118, è consapevole dell’importanza e della necessità di dimostrare e di documentare ai propri clienti la capacità dell’unita’ stessa di erogare con continuità i servizi conformi alla buona pratica. Pertanto ha ritenuto opportuno redigere un Manuale per l’Accreditamento professionale in accordo con la normativa nazionale ed a quanto richiesto dagli standard della Società Italiana Scientifica C.O. 118,.

I principi di tali norme e la conoscenza della migliore tecnica di erogazione dei servizi costituiscono e sono alla base della politica stabilita dalla Direzione dell’u.o.c. .
Il Manuale mira essenzialmente:
-ad accrescere la soddisfazione dei clienti tramite l’applicazione efficace delle procedure ed istruzioni operative accluse, ivi inclusi i processi per il suo miglioramento continuo e l’assicurazione della conformità ai requisiti del cliente ed a quelli cogenti applicabili;
-a dimostrare la capacità dell’Organizzazione di fornire con regolarità prodotti e servizi che ottemperino ai requisiti dei clienti ed a quelli cogenti applicabili.
Ogni Dirigente medico, infermiere, tecnico ed amministrativo identificato nell’organigramma aziendale ha la diretta responsabilità dell’implementazione di tali requisiti nei luoghi di erogazione delle attività.

Privacy, consenso informato, richiesta documenti e reclami

Tutela della privacy

Con l’entrata in vigore del “Codice in materia di protezione dei dati personali” e tenuto conto, in particolare, delle disposizioni riguardanti la tutela della dignità dei Pazienti, la C.O. 118 consapevole che nella specifica realtà in cui opera, sono quotidianamente trattati una pluralità di dati sensibili, compresi quelli idonei a rivelare lo stato di salute dei Cittadini - Pazienti, ha intensificato il proprio impegno non solo per evitare, attraverso adeguate misure di sicurezza, il pericolo di perdita di tali dati, ma anche per garantire che un loro uso scorretto possa danneggiare o ledere i diritti, le libertà fondamentali e la dignità delle Persone interessate.

Il Cittadino ha diritto alla riservatezza dei dati relativi alla sua malattia e ad ogni altra circostanza che lo riguardi.
I dati personali vengono trattati, secondo la Legge 675/96, e D.Lgs 196/2003 solo da Personale autorizzato, vincolato al segreto professionale ed al segreto d’ufficio.
L’interessato ha diritto di accedere gratuitamente al registro dei dati che lo riguardano e di chiederne l’integrazione, la correzione, la cancellazione o l’aggiornamento.
Ogni Utente del servizio viene registrato ed ogni servizio effettuato viene archiviato sia in modo informatico che in modo cartaceo. I dati possono poi venire elaborati per motivi di studio, statistici o per monitoraggio degli indicatori del servizio.
Ogni chiamata viene registrata e la registrazione viene archiviata come parte integrante della documentazione clinica. Il riascolto delle registrazioni segue le stesse disposizioni di sicurezza relative alla consultazione della documentazione clinica.
Il responsabile della tutela della privacy è il Direttore Dottor Roberto Mannella informazioni più dettagliate sono disponibili presso la Direzione Sanitaria Aziendale o presso la Direzione della C.O. 118

Consenso informato

L'articolo 32 della Costituzione italiana cosi’ recita: "Nessuno può essere obbligato ad un trattamento sanitario se non per disposizione di legge”

Il consenso informato è l’assenso che il Paziente dà per iscritto, su apposito modulo, a terapie ed interventi, soltanto dopo essere stato adeguatamente informato dal Medico sulla malattia, sul trattamento, sui rischi, sulle probabilità di riuscita e sulle alternative alle terapie ed agli interventi proposti.
Il Paziente è libero di accettare o rifiutare le terapie e gli interventi proposti dal Medico.
Il Paziente ha il diritto di chiedere tutte le informazioni che riguardano il suo stato di salute, informazioni che devono essergli date con un linguaggio facilmente comprensibile, e di scegliere, fra le varie alternative terapeutiche, quella che ritiene più consona al suo stile di vita.
Nell’emergenza vi sono aspetti peculiari, in particolare:la telefonata di richiesta di intervento è registrata, per cui la richiesta verbale di consenso informato a ricevere la prestazione sanitaria e l’accettazione od il rifiuto espressi verbalmente hanno validità come da consenso o dissenso scritto e firmato.
Sul Territorio, il Medico o l’Infermiere che prestano il soccorso, nei casi in cui le condizioni di salute non rendano possibile acquisire il consenso informato agiscono come se il consenso fosse stato espresso per tutte le manovre e le terapie salvavita ( stato di necessità)
Per gli altri Pazienti in grado di esprimere il consenso viene fatta firmare la scheda clinica solo in caso di rifiuto delle prestazioni proposte. Il dovere di raccogliere il consenso/dissenso è del medico.
Di fronte al rifiuto del paziente maggiorenne e capace di sottoporsi agli atti sanitari proposti, il medico e gli operatori sanitari devono rispettare la sua volontà, a meno che la situazione clinica non evolva fino a determinare lo stato di necessità (art. 54 CP). Ai familiari non è riconosciuto alcun vero e proprio potere di decidere; è opportuno che siano informati, ma le decisioni cliniche spettano autonomamente al medico. Superato lo stato di necessità per le successive prestazioni sanitarie occorre acquisire il consenso del paziente.

Registrazione delle comunicazioni
Tutte le telefonate che giungono alla Centrale Operativa su linea 118 e le comunicazioni radio, sono registrate su supporto informatico, al fine di garantire l’immediatezza del riascolto nel caso in cui emergesse una inesattezza dei dati raccolti e successivamente trasmessi (come ad esempio il numero civico di una abitazione od un numero di telefono); inoltre per verificare gli orari esatti in cui le comunicazioni sono avvenute.

Richiesta di documentazione clinica dell’ambulanza del 118
La documentazione relativa al soccorso può essere richiesta alla segreteria dell’UOC C.O.118 di Caserta c/o Centrale Operativa 118 Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta in via Tescione Tel.0823 232273 orario di ufficio ore 9.00-12.00 lunedì-venerdì

Informativa al rilascio della scheda intervento del 118 

-La richiesta va effettuata dalle 9,00 alle 12,00 dal lunedì al venerdi’, riempiendo l’apposito “Modulo Richiesta” disponibile presso la segreteria della C.O.118. 
-Il rilascio avverrà s.c. in due giorni lavorativi, fa eccezione il periodo di ferie estive in cui il rilascio puo’ avvenire fino a un massimo di 7 giorni lavorativi dalla richiesta, ad opera della segreteria.
-Per il ritiro è necessario portare la ricevuta di pagamento effettuata al CUP di 5,16 euro 
-Il pomeriggio, Il sabato e i festivi la segreteria è chiusa
-La richiesta puo’ essere fatta dal diretto interessato o da un suo delegato o da un genitore esercente la patria potestà o dal tutore o dal curatore o dall’amministratore di sostegno o dall’erede che agisce in nome e per conto degli altri coeredi. In quest’ultimo caso bisogna riempire il modulo di delega e allegare copia del documento del delegante e del delegato al ritiro.
- Per le società di investigazione è necessario acquisire l’autorizzazione della direzione medica di presidio dell’ospedale di Caserta invece della delega.
-Per i dati non presenti sull’attestato ( numero chiamante, nominativi equipaggio..) per averli è necessaria l’autorizzazione scritta del magistrato competente.
Per i pazienti minorenni : presentare autocertificazione relativa all’esercizio della patria potestà.
Per le persone incapaci di intendere e di volere :presentare dichiarazione relativa rilasciata dal tribunale.
Per le problematiche psichiatriche,infettivologiche e ginecologiche ,solo l’intestatario può richiedere la cartella clinica. 
L’avvocato può richiedere con delega ,solo la scheda relativa al proprio assistito a meno che non abbia l’autorizzazione scritta del magistrato competente (che deve esibire). 

La stessa procedura va seguita se si richiede il rilascio dell’attestato della scheda PSAUT cioè per quegl’interventi sanitari effettuati nei punti di Primo Soccorso di Teano;San Felice a Cancello ; Capua. 

Modulo richiesta attestato scheda del 118

Modulo richiesta attestato scheda Psaut

Delega richiesta attestato scheda Psaut

Rilascio scheda a distanza del 118 e/o dello Psaut

Per il rilascio della scheda intervento è necessario :

-attenersi all’informativa
-allegare copia del documento di riconoscimento 
-riempire il modulo richiesta 
-pagare all’ A.O.di Caserta il tiket relativo al rilascio scheda intervento di 5,16 euro tramite bonifico bancario:
 dati bancari: UNICREDIT S.p.A.- Agenzia Caserta Vanvitelli – piazza Vanvitelli – 81100 Caserta

COORDINATE BANCARIE ( IBAN )
 

COD.NAZ

CHECK

CIN

COD.ABI

COD.CAB

NUMERO CONTO CORRENTE

IT

17

B

02008

14903

000400006504

 
-inviare copia della ricevuta di pagamento di rilascio scheda in busta chiusa con il francobollo relativo per la spedizione + modulo richiesta debitamente compilato + busta con indirizzo .
 
Rilascio schede intervento a scopo investigativo per conto delle assicurazioni
 
Per il rilascio della scheda intervento è necessario :
 
-autorizzazione della Direzione Medica di Presidio dell’Ospedale di Caserta
-attenersi all’informativa allegata ( vedi)
-allegare copia del documento di riconoscimento
-riempire il modulo richiesta ( allegato) 
-pagare il rilascio scheda intervento di 5,16 euro al CC dell’A.O. Caserta
 
(Numero verde CUP 800911818) causale versamento : “rilascio scheda intervento 118 “
-inviare copia della ricevuta di pagamento di rilascio scheda in busta chiusa con il francobollo relativo per la spedizione + modulo richiesta debitamente compilato + busta con indirizzo .
 
Reclami, segnalazioni disservizi, suggerimenti e proposte
 
Tutte le comunicazioni dell’Utente vanno indirizzate al Direttore UOC CO118 c/o AORN di Caserta –via Tescione nr 2 81100 Caserta o comunicate via email : 118caserta@virgilio.it.
 
Per rispettare la privacy e al tempo stesso la trasparenza degli atti, le copie conformi all’originale con i nominativi degli operatori e degli equipaggi nonché le registrazioni delle chiamate e l’identificativo del/i chiamante/i verranno rilasciati solo su autorizzazione del magistrato .

 

^^Torna Su^^

aggiornamento settembre 2015